Tag: museorossini

Anche a Pesaro le Giornate delle Case dei Personaggi Illustri Italiani

Sabato 6 e domenica 7 aprile, in Italia si svolgerà la terza edizione delle Giornate nazionali delle Case dei personaggi illustri italiani, promosse dall’Associazione Nazionale Case della Memoria per mettere in rete tutte le dimore storiche e i musei monografici che documentano vita e opere di grandi personalità del nostro paese e valorizzare questi importanti luoghi custodi del passato. Il tema dell’anno è “Memorie in Viaggio”. Per l’occasione, Pesaro 2024 coinvolge i due luoghi rossiniani per eccellenzail Museo Nazionale Rossini di Palazzo Montani Antaldi per un viaggio a 360° nella vita e le opere del compositore e Casa Rossini, l’edificio dove Rossini nacque il 29 febbraio 1792 dichiarato monumento nazionale nel 1904.

Il Museo Nazionale Rossini propone due speciali percorsi guidati. Sabato 6 aprile alle 11.30 la visita “Il Palazzo Montani Antaldi svelato: un racconto d’arte e storia” è dedicata alla storia del monumentale palazzo edificato nel XVI secolo per volere della nobile famiglia pesarese Montani e rilevato a inizio Ottocento dalla famiglia Antaldi, con un focus sulle prime acquisizioni, sugli interventi di restauro architettonico e decorativo eseguiti nella seconda metà del settecento e con approfondimento dei cicli pittorici neoclassici dei soffitti al piano nobile che ospita le sale museali. Domenica 7 alle 16.30 la visita “Gioachino Rossini cittadino d’Europa: viaggio nei luoghi che ispirarono il maestro” condurrà i partecipanti alla scoperta dei viaggi di Gioachino Rossini, compositore cosmopolita che viaggiò e lavorò in tantissime città in tutta Europa: da Roma a Milano, da Londra a Vienna, da Madrid a Parigi, passando per Bologna, Venezia e Napoli. Le visite sono comprese nel biglietto di ingresso, prenotazione obbligatoria, max 30 persone, 0721 1922156 info@museonazionalerossini.it

Sabato 6 aprile alla 17, da Casa Rossini parte la visita guidata ‘Pesaro ai tempi di Rossini’ che prosegue ai Musei Civici e nelle vie dell’antico ghetto ebraico: uno spaccato di fine settecento, quando in una abitazione di via del Duomo (oggi via Rossini), nasce il piccolo Gioacchino Rossini. Il Vivazza, padre giacobino del futuro Maestro, un ‘repubblicano vero’, accoglie favorevolmente le novità napoleoniche tanto da comporre un Inno Repubblicano. Intanto a casa Mosca, i proprietari si affrettano ad ospitare il grande Generale che a febbraio del 1797 passò proprio a Pesaro con la sua armata. In questo periodo fiorisce la maiolica ad uso con ornamenti floreali, in particolare la Rosa di Pesaro. Infine, spostandosi verso la Sinagoga si narrano le vicende di una comunità che ha reso fiorente la città e si incontra nuovamente Giuseppe Rossini che con un vero atto rivoluzionario apre le porte del ghetto per farne uscire gli ebrei. La visita è compresa nella Card Pesaro Capitale acquistabile al prezzo ridotto di €7,00 (validità annuale). Info 0721 387541, info@pesaromusei.it

Pasqua da Capitale tra musei e mostre

Pasqua

Una Pasqua da Capitale. Per le festività pasquali, Pesaro 2024 offre un ricco pacchetto di cultura fra musei, monumenti ed eventi espositivi da non perdere; un’opportunità preziosa per fare un pieno di bellezza e godersi i tesori cittadini. Ecco le aperture del lungo weekend da venerdì 29 marzo a lunedì di Pasquetta 1 aprile.

Da venerdì 29 marzo a Pasquetta, 4 giorni continuati di aperture a Palazzo Mosca-Musei Civici con le splendide raccolte di ceramica, dipinti e arti decorative, Casa Rossini dove respirare l’atmosfera speciale della casa natale del compositore, al Museo Nazionale Rossini per un viaggio a 360° nel mondo del genio e al Museo Diocesano che testimonia, con reperti archeologici e beni storico-artistici, l’operato della chiesa pesarese nel tempo.  Giovedì 28 marzo, quarto giovedì del mese, si aprono al pubblico i Musei Civici di Palazzo Ciacchi con l’allestimento rinnovato che propone dipinti, ceramiche e arti decorative dai depositi di Palazzo Mosca. Giovedì 28 e sabato 30 marzo le visite a Palazzo Ducale per conoscere l’edificio che racconta la storia delle signorie di Pesaro.

 Sezione ricca per l’archeologia, sempre aperta ai visitatori da venerdì 29 marzo a lunedì 1 aprile. A Palazzo Almerici, si visita il Museo Archeologico Oliveriano che documenta mille anni di storia – dal periodo piceno alla tarda età imperiale – e si articola in quattro sezionila necropoli picena di Novilara, il lucus pisaurensis, il municipio di Pisaurum e il collezionismo settecentesco. Nell’area archeologica di via dell’Abbondanza si ammirano i resti di una dimora signorile di prima età imperiale, riccamente decorata con mosaici. Nel cuore del Parco San Bartolo l’area di Colombarone – con il suo Antiquarium – conserva i resti di una ricca residenza tardo-imperiale sulle cui strutture, a partire dalla metà del VI secolo d.C. si insedia il complesso cristiano della basilica di San Cristoforo ad Aquilam.

Nel circuito di Pesaro Musei anche i luoghi perfetti per gli appassionati delle due ruote, con e senza motore: da venerdì a lunedì porte aperte al Museo della Bicicletta di Palazzo Gradari con 40 bici da corsa in un excursus cronologico dal 1930 fino ad oggi con la storia gloriosa del mezzo di trasporto sostenibile per eccellenza. In via Mameli, nella sede storica della Benelli, domenica e lunedì si visita il Museo Officine Benelli con la sua preziosa collezione di 150 motociclette del brand che ha fatto grande Pesaro ‘Terra di piloti e motori’.

Le mostre

E poi una scelta decisamente variegata di mostre. A Palazzo Mosca doppia proposta per gli amanti di pittura e ceramica: nell’ammezzato, Mario Logli. Custode della bellezza, monografica – di cui sabato 30 marzo si presenta il catalogo – dedicata ad un protagonista tra i più attivi e apprezzati sulla scena artistica della seconda metà del Novecento che ha saputo custodire tradizioni e storia della sua terra e interpretare le sfide più complesse della contemporaneità. In esposizione le opere più iconiche di una lunga carriera. Nella project room, La rinascita della maiolica a Pesaro dallo Storicismo al Decò con maioliche e terrecotte dai depositi dei Musei Civici del periodo dal 1870 al tardo decò. Al Centro Arti Visive Pescheria, ‘Sculture nella Citta’ 1971/2024. Dall’arte pubblica di Arnaldo Pomodoro allo spazio urbano di dieci giovani autori, prima tappa del progetto di Pesaro 2024 ‘Dalle sculture nella città all’arte delle comunità’ che nasce dalla memoria della storica esposizione ‘Arnaldo Pomodoro: Sculture nella città 1971’: nel loggiato, due sculture di Pomodoro e materiali d’archivio per approfondire il lavoro di uno dei massimi artisti italiani, nella chiesa del Suffragio le proposte di dieci autori under 35. Lo spazio bianco – sede della Fondazione Pescheria dedicata alla fotografia e all’immagine -, accoglie ‘Tutto nasconde un segreto. Nuovi scatti’ con il lavoro recente della pesarese Maria Letizia Morini, artista portatrice della sindrome di Down che ha iniziato a fotografare a dieci anni. Alla Galleria Rossini, la quinta edizione della mostra collettiva d’arte che espone pittori, scultori e ceramisti pesaresi ‘Arte Solidale’, progetto nato nel 2019 per iniziativa dell’associazione di volontariato ‘Piattaforma Solidale’. Allo Spazio TORRSO, la mostra ‘Corpo Ambiente’ di Michele Cotelli e Giulia Seri, il secondo appuntamento della rassegna UN/NATURAL in cui la nuova galleria in centro storico apre le sue porte e i suoi sotterranei per dare vita ad una installazione organica, un corpus di immagini e scenari.

Non mancano le attività in tema pasquale: giovedì 28 marzo (ore 16.30) ai Musei Civici, la caccia al tesoro con un piccolo laboratorio finale ‘Chi cerca trova…le uova!’, consigliato dai 5 ai 9 anni. Costo 4 euro, prenotazione obbligatoria (0721 387541). Domenica 31 marzo (ore 16.30), il Museo Nazionale Rossini propone la visita guidata “Rossini e la Pasqua: il maestro tra musica e vicende biografiche”, strutturata come un’antologia di curiosità relative alla solennità cristiana che celebra la risurrezione di Gesù, tra lirica, composizioni sacre e vicende biografiche del grande maestro Gioachino Rossini; compresa nel biglietto di ingresso, prenotazione consigliata (0721 192 2156).

MUSEI, MONUMENTI, AREE ARCHEOLOGICHE E MOSTRE

Palazzo Ciacchi (via Cattaneo 34)

giovedì 28 marzo 15-18.30

ingresso gratuito, richiesta prenotazione; info 0721 3831 info@museopalazzociacchi.it

 

Visite guidate a Palazzo Ducale (piazza del Popolo)

giovedì 28 marzo h 16 (45 minuti)

sabato 30 marzo h 10.30 (1 ora e mezzo)

prenotazione obbligatoria, ingresso con Card Pesaro Capitale, gratuito fino a 18 anni e per i possessori della Carta Famiglia del Comune di Pesaro
Info 0721387541 palazzoducale@pesaromusei.it

 

Palazzo Mosca – Musei Civici (piazza Mosca 29) / Casa Rossini (via Rossini 34)

venerdì 29 marzo – lunedì 1 aprile 10-13 / 15.30-18.30

ingresso con Card Pesaro Capitale, gratuito fino a 18 anni e possessori della Carta Famiglia del Comune di Pesaro

info 0721 387541-357 info@pesaromusei.it

 

Museo Nazionale Rossini (Palazzo Montani Antaldi, via Passeri 72)

venerdì 29 marzo – lunedì 1 aprile: 10-13 / 15-18

ingresso a pagamento, gratuito fino a 18 anni e per i possessori della Carta Famiglia del Comune di Pesaro; info Sistema Museo 0721 1922156 www.museonazionalerossini.it

 

Museo Archeologico Oliveriano (Palazzo Almerici, via Mazza 97)

venerdì 29 marzo – lunedì 1 aprile 15.30 -18.30

ingresso con Card Pesaro Capitale, gratuito fino a 18 anni e possessori della Carta Famiglia del Comune di Pesaro tel 0721 33344  info@pesaromusei.it.

 

Area archeologica di via dell’Abbondanza

venerdì 29 marzo – lunedì 1 aprile 10.30-12.30 / 15.30-17.30

ingresso con Card Pesaro Capitale, gratuito fino a 18 anni e possessori della Carta Famiglia del Comune di Pesaro 0721 387541

 

Area archeologica e antiquarium di Colombarone (strada San Cristoforo 136)

Venerdì 29 marzo – lunedì 1 aprile 10-13

ingresso con Card Pesaro Capitale, gratuito fino a 18 anni e possessori della Carta Famiglia del Comune di Pesaro, info 0721 387541, info@pesaromusei.it

 

Museo della Bicicletta (Palazzo Gradari, via Rossini)

Venerdì 29 marzo – lunedì 1 aprile 10-13 / 15.30-18.30

ingresso con Card Pesaro Capitale, gratuito fino a 18 anni e possessori della Carta Famiglia del Comune di Pesaro, 0721 387541 info@pesaromusei.it

 

Museo Diocesano (Palazzo Lazzarini, via Rossini)

Venerdì 29 marzo – lunedì 1 aprile orario 15.30-18.30

Ingresso a pagamento, info 0721 371219 museo@arcidiocesipesaro.it

 

Museo della Marineria Washington Patrignani (Villa Molaroni, viale Pola)

venerdì 29 marzo orario 15-19

chiuso: 30 marzo, Pasqua e Pasquetta

ingresso gratuito tel 0721 35588

 

Museo Officine Benelli (via Mameli)

domenica 31 marzo e lunedì 1 aprile orario 16 – 19

Ingresso con Card Pesaro Capitale, gratuito fino a 18 anni

tel 0721 31508 officinebenelli@hotmail.it

 

Mostre
Palazzo Mosca – Musei Civici

< Mario Logli. Custode della bellezza, a cura di Anna Maria Ambrosini Massari e Mattia Giancarli

sabato 30 marzo ore 17, presentazione del catalogo di mostra

< La rinascita della maiolica a Pesaro dallo Storicismo al Decò a cura di Federico Malaventura

venerdì 29 marzo – lunedì 1 aprile 10-13 / 15.30-18.30

ingresso con Card Pesaro Capitale, gratuito fino a 18 anni e possessori della Carta Famiglia del Comune di Pesaro, info 0721 387541

Centro Arti Visive Pescheria

Sculture nella Citta’ 1971/2024. Dall’arte pubblica di Arnaldo Pomodoro allo spazio urbano di dieci giovani autori

a cura di Pippo Ciorra, Michele Giorgi, Carola Nava

orario venerdì 29 marzo – lunedì 1 aprile 10-13, 15:30-18:30

ingresso con Card Pesaro Capitale, gratuito fino a 18 anni e possessori della Carta Famiglia del Comune di Pesaro, info 0721 387541

 

Tutto nasconde un segreto. Nuovi scatti’ Personale di Maria Letizia Morini a cura di Giorgio Donini

spazio bianco, via Zongo 45

orario: venerdì 29 marzo-lunedì 1 aprile orario 17-20

ingresso gratuito

 

UN/NATURAL#2 Corpo Ambiente

Michele Cotelli – Giulia Seri, a cura di Francesca Cerfeda e Claudia Di Francesco

Spazio TORRSO, via Spada 28

sabato 30 marzo 9-12

ingresso gratuito, info 349 1021902

 

Arte Solidale V Mostra Collettiva d’Arte

Galleria Rossini, via Rossini 38

venerdì 29 marzo – 1 aprile orario 10-13, 15.30-18.30

ingresso gratuito, info 0721 387541

 

Attività

Giovedì 28 marzo ore 16.30 Musei Civici

‘Chi cerca trova…le uova!’ caccia al tesoro con un piccolo laboratorio finale ‘Chi cerca trova…le uova!’

consigliato dai 5 ai 9 anni, costo 4 euro, prenotazione obbligatoria 0721 387541

 

Domenica 31 marzo ore 16.30 Museo Nazionale Rossini

visita guidata “Rossini e la Pasqua: il maestro tra musica e vicende biografiche

compresa nel biglietto di ingresso, prenotazione consigliata; 0721 1922156 info@museonazionalerossini.it

Il 29 febbraio la giornata clou delle Settimane Rossiniane

29 febbraio

È arrivata la data clou del calendario delle ‘Settimane Rossiniane’ con il giorno del Compleanno di Rossini nato a Pesaro il 29 febbraio 1792.

E proprio per questa giornata speciale, Casa Rossini e il Museo Nazionale Rossini offrono un’apertura gratuita per l’intera giornata. La casa natale del compositore si visita dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 18.30; un omaggio attende i visitatori e per i più piccoli sarà allestito un piccolo angolo laboratoriale (info 0721 387357). Il Museo di Palazzo Montani Antaldi apre le sue porte al pubblico dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 (info 0721 1922156).

Sempre il Museo Nazionale Rossini – più precisamente la suggestiva Sala degli Specchi – alle 11 accoglie la conferenza stampa di presentazione dell’attività editoriale della Fondazione Rossini: edizione critica dell’opera Eduardo e Cristina a cura di Andrea Malnati e Alice Tavilla (opera andata in scena in prima moderna mondiale al ROF 2023), “Bollettino del Centro rossiniano di studi” edizione  LXII, collana “Tesi Rossiniane”  volume a cura di Paolo De Matteis  TEMPI DI MEZZO la drammatizzazione  dell’aria nell’opera seria (1770-1813). Per l’occasione verranno donati alla Fondazione dal professore Giovanni Cascio Pratilli un autografo musicale e una lettera di Gioachino Rossini. Info: 0721 33818 – 30053.

Alle 21 al Teatro Rossini la Messa di Gloria di Rossini, il concerto promosso dal Conservatorio Rossini e dal Rossini Opera Festival in collaborazione con AMAT. L’esecuzione è affidata all’Orchestra e al Coro del Conservatorio Rossini, diretti da Luca Ferrara, maestro del coro Riccardo Lorenzetti; le voci soliste del ROF saranno Maria Laura Iacobellis (soprano), Andrea Niño (contralto), Pietro Adaíni (tenore), Antonio Mandrillo (tenore), Alberto Comes (basso). Formata solo da Kyrie e Gloria, la Messa fu composta da Rossini per la “Real Arciconfraternita di Nostra Signora dei Sette Dolori”, più comunemente nota come l’Arciconfraternita di San Luigi di Napoli. Eseguita per la prima volta il 24 marzo 1820 nella chiesa di San Ferdinando della città partenopea, venne accolta con tale entusiasmo da suscitare lunghi applausi all’interno del luogo sacro e l’attribuzione a Rossini della qualifica di compositore dotto, grave, sublime. Unica composizione sacra di rilievo cui Rossini si dedicò nel periodo di attività operistica, nonostante la destinazione (la solenne celebrazione della festa dei Dolori della Vergine), non manca di citazioni di temi operistici. La Messa di Gloria è rimasta sconosciuta per più di un secolo fino a quando, a partire dalla metà degli anni Sessanta, il ritrovamento di numerosi fonti diede la possibilità a Philip Gossett di ricostruirne la genesi e, successivamente, insieme a Giovanni Acciai di approntarne l’edizione critica per la Fondazione Rossini.  Biglietti (posto unico € 10) acquistabili online su vivaticket.it e presso la biglietteria del Teatro Rossini (mercoledì-sabato 17-19.30; il giorno del concerto dalle ore 17). Info: www.conservatoriorossini.it.

La giornata del Compleanno di Rossini si arricchisce anche di un’inaugurazione speciale aperta alla comunità: quella dell’Auditorium Scavolini (alle 18) che restituisce alla città uno dei luoghi più strategici per lo spettacolo dal vivo e che tornerà ad essere una delle sedi del Rossini Opera Festival in un’edizione straordinaria per Pesaro 2024.

Continuano le Settimane rossiniane nel segno della musica

Continuano le Settimane rossiniane

Continua il ricco calendario delle ‘Settimane Rossiniane’ per celebrare il Compleanno di Rossini nell’anno di Pesaro Capitale italiana della cultura 2024. Mercoledì 28 febbraio alle ore 21, appuntamento alla chiesa della Santissima Annunziata con il Liceo Musicale G. Marconi che propone il concerto ‘Rossini in Tour’.

L’evento rientra in un gemellaggio musicale di ampio respiro con uno degli istituti musicali più prestigiosi della Germania – lo Schloss Belvedere Musikgymnasium di Weimar – che il liceo pesarese promuove proprio nell’anno da Capitale. Il progetto ‘Rossini in Tour’ nasce dalla collaborazione tra i due istituti consolidata ormai da anni, attraverso la collaborazione attiva tra i docenti e concerti-scambio con formazioni miste di studenti di entrambi i Licei. Il concerto del 28 febbraio rappresenta la prima tappa del progetto con gli studenti del Marconi sul palco dove verranno eseguite musiche del repertorio rossiniano e di altri autori che evidenziano la creatività di Rossini e le affinità con i compositori europei. L’apertura con un quartetto di trombe che eseguirà una “Fantasia su temi del Guillaume Tell”, seguirà il Coro del Liceo Musicale diretto dalla professoressa Eleonora Faraoni e accompagnato al pianoforte dalla professoressa Alessandra Cenerelli con brani di Mozart, Rossini e Verdi. Alcuni giovani cantanti e solisti presenteranno alcune pagine della trilogia Mozart-Da Ponte e del repertorio cameristico mozartiano e rossiniano; concluderanno la serata le Variazioni per flauto e pianoforte di F. Chopin sul celebre tema del Rondò finale della Cenerentola di Rossini.

Atmosfera di festa dei giorni dedicati al compositore pesarese continua venerdì 1 marzo alle ore 16.30, con il Museo Nazionale Rossini, in collaborazione con il Conservatorio Statale G. Rossini, che propone Rossini in sax: concerto di compleanno al museo, un imperdibile concerto di compleanno nella splendida cornice della Sala degli Specchi, per festeggiare il grande Gioachino. Ad esibirsi è l’AdriaN saxophone quartet del Conservatorio Rossini, composto da Daniele Bolletta (Sax Soprano), Gerardo Cervasio (Sax Contralto), Stefano Luciani (Sax Tenore) e Diego Vergari (Sax Baritono), in una splendida performance musicale con brani tratti dal repertorio rossiniano e non solo. A seguire, sarà possibile visitare il percorso espositivo del Museo Nazionale Rossini. Visita compresa nel prezzo del biglietto. Prenotazione obbligatoria 0721 1922156info@museonazionalerossini.itwww.museonazionalerossini.it.

Alle ore 21 al Teatro Sperimentale si danza sulle musiche di Rossini con Cenerentola. Una storia italiana della Compagnia Fabula Saltica, coreografie di Claudio Ronda. «Collocata nell’Italia degli anni ’60, teatro di mille energie creative, di volontà di riscatto e affermazione personale la nostra Cenerentola – scrive la compagnia nelle note allo spettacolo – seppure subordinata alla matrigna e alle due sorellastre, conserva, intatta, la sua trasognante dolcezza, la grazia, il fascino e l’idealismo adatti al ruolo, qualità che condurranno all’immancabile lieto fine. Nessuna scarpetta di vetro a renderla ancora una volta succube delle scelte altrui, ma una splendida donna in grado di prendere da sola le proprie decisioni e che svela ancora una volta la sua intensa umanità. Perché Cenerentola, per citare Prokofiev, “non è solo un personaggio da favola, ma un essere vivente: soffre, vive e il suo destino ci commuove sempre”. Lo spettacolo è anche un sentito omaggio all’arte di Gioachino Rossini, per la colonna sonora abbiamo utilizzato pagine scelte da varie opere del compositore pesarese, alternate a quelle appositamente create dal compositore Simone Pizzardo».

Biglietti e informazioni

Rossini 0721 387621, Teatro Sperimentale 0721 387548, AMAT 071 2072439 e biglietterie circuito vivaticket, anche on line.

Scopri il PROGRAMMA COMPLETO delle Settimane rossiniane

Sabato ricco per le Settimane Rossiniane

settimane rossiniane

In attesa di arrivare al giorno clou del Compleanno di Rossini prosegue il calendario delle ‘Settimane Rossiniane’ in una versione decisamente extra large per l’anno da Capitale della Cultura. Sabato 24 febbraio, ben quattro le proposte per grandi e bambini.

Si parte alle 11 a Casa Rossini con i riflettori accesi sulla Sala Osmilde Gabucci: l’ambiente con affaccio su via Gavardini nato per volontà della famiglia Perlini che l’ha donato al Comune, trova la sua vocazione come luogo per esposizioni legate a Rossini per arricchire la proposta della casa natale ma anche come sede performativa per piccoli concerti pianistici con un programma coordinato da Francesca Matacena/CIMP, ed è pronta ad ospitare artisti presenti o di passaggio in città. Proprio per queste finalità, in occasione delle Settimane Rossiniane di Pesaro 2024, la sala si arricchisce del pianoforte a coda donato al CIMP dalla famiglia di Fiorella Lugli, professoressa del Conservatorio Rossini scomparsa nel 2023. Il respiro è internazionale fin dal primo momento musicale del 24 febbraio, con giovani musicisti e i loro canti da paesi di tutto il mondo eseguiti come dono per il Compleanno del Cigno di Pesaro: Aida Zhakhanbek e Aiya Rakhimova (Kazakhstan), Mari Batilashvili (Georgia), Vicente Muñoz (Cile), Lifei Wang (Cina), Okyung An e Dongjae Son (Corea del Sud), Hiromi Kurusaki (Giappone), Katerina Chebotova (Ukraine). Non mancheranno le note di Rossini: sarà Emanuele Pellegrini ad interpretare ‘La Danza’ (più conosciuta come tarantella) sicuramente il brano di Rossini più eseguito nel mondo. Accesso alla Sala Osmilde Gabucci dalla Galleria Rossini (via Rossini), ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili. Per assetto rinnovato della Sala Osmilde Gabucci, partner tecnico: Mancinelli Allestimenti srl/Pesaro.

Sottolinea Daniele Vimini vicesindaco e assessore alla Bellezza del Comune di Pesaro: “Ancora una volta il percorso di Pesaro 2024 si arricchisce di nuovi spazi per l’arte e la musica con l’ottica di offrire ai residenti e ai cittadini temporanei che ci visiteranno durante l’anno, una proposta di cultura ricca e articolata. E’ magnifico che l’azione di valorizzazione di questi luoghi sia possibile anche attraverso la donazione di privati cittadini – come la famiglia Perlini e la famigli Lugli – con un grande senso di appartenenza alla comunità”.

Sempre a Casa Rossini alle 16.30 il laboratorio per bambine e bambini 4-8 anni ‘Le maschere di Rossini: indossa le emozioni’. Maschere rossiniane colorate ed emozionate offriranno l’opportunità di conoscere i sentimenti del compositore lungo la sua vita. Tra innocenti marachelle infantili e il furore del suo successo, si narreranno brevi storie che raccontano come Rossini è diventato un grande della musica di tutti i tempi. Ingresso gratuito, richiesta prenotazione, info 0721 387541, info@pesaromusei.it.

Alle 17.30 il Museo Nazionale Rossini propone la visita guidata diffusa ‘Pesaro celebra Rossini. Alla scoperta della città rossiniana. La visita parte dalle dieci sale del Museo Nazionale Rossini per raccontare vita e opere del compositore, dagli esordi agli ultimi giorni, tra successi, viaggi, personaggi celebri, e prosegue con una passeggiata in centro facendo tappa davanti ai luoghi che ancora oggi testimoniano e tramandano la sua grandezza: il Teatro Rossini a lui dedicato, il Conservatorio Rossini voluto dal Maestro, e il Palazzo Baviera dove soggiornò da bambino con la famiglia. La visita è compresa nel biglietto (8/6 €), prenotazione obbligatoria 0721 1922156, info@museonazionalerossini.it.

Alle 18 tappa a Casa Rossini per assistere alla prima tappa di Playlist Rossini. Un concerto lungo un anno, il nuovo progetto del Rossini Opera Festival che ogni sabato dal 24 febbraio al 16 novembre – ovvero dalla settimana in cui si celebra il 232compleanno di Rossini a quella nella quale si commemora il 156anniversario della sua morte – ripercorre dal balcone della casa natale, l’intero repertorio operistico rossiniano interpretato dagli ex allievi dell’Accademia Rossiniana ‘Alberto Zedda’. Si comincia con Demetrio e Polibio, eseguita da Andrea Niño e Omar Cepparolli.